Lo sfogo

Piccoli e grandi sfoghi personali sulle sventure che mi capitano

Archivio per la categoria ‘Pensieri’

Lug
09

Non possediamo nulla parte 2

Categoria Pensieri, Video

Vedo con piacere che nel mondo iniziano altri a farsi la mia medesima domanda, questa volta è stato Otto Climan! Sono sempre più dell’idea che in generale non possediamo nulla di tutto quello che funziona online o che ha necessità di una connessione per funzionare, se poi qualcuno stacca la spina iniziano i dolori!

Questo probabilmente è parte del motivo per cui nell’ultimo anno, ma forse ho iniziato prima, ho iniziato a disaffezionarmi alla tecnologia in generale e ho riscoperto le cose analogiche e meccaniche, inoltre sono abbastanza stufo del mondo smartphone in generale e di chi popola buona parte della rete con contenuti in generale poco interessanti, meglio il mondo esterno senza ombra di dubbio.

Giu
28

C’è chi si inventa di saper fare un lavoro

Categoria Internet, Pensieri

Che la pubblica amministrazione sia in generale farraginosa ed inefficace è risaputo, la causa è spesso l’incompetenza di chi fare scelte o dare istruzioni a chi deve svolgere un lavoro.

Poi c’è chi si approfitta della scarsa preparazione degli addetti pubblici  per i propri tornaconti economici.

In queste settimane i siti della regione Liguria e comune di Genova sono stati modificati, andando a mio avviso a depauperare i contenuti e creando altra confusione su siti istituzionali già poco chiari in generale.

Ovviamente i link di altri siti che puntano a determinati contenuti non funzionano ma il bello viene dal comune, decidono che per accedere a determinati servizi si prenda appuntamento, fin qua nulla di strano, peccato che il link comunicato ai vari enti dopo pochi giorni è stato modificato senza dire al CMS utilizzato di mantenere la traccia e guidare gli utenti alla pagina richiesta. Risultato? 40 minuti di ricerca per trovare la stramaledetta pagina!

Ho anche saputo che il primo giorno di utilizzo dell’agenda online l’ufficio non riusciva a vedere gli appuntamenti!

L’amministrazione pubblica sarà sempre un passo indietro al resto del mondo civile…

Giu
10

E se lo dice un creator che ci vive…

Categoria Pensieri, Video

Come non condividere quello che afferma il buon Lorenzo “Spavald“, posalo quel maledetto telefono! Mi mette un nervoso chi continua imperterrito a guardare il telefono e fa finta di prestare attenzione….

Giu
03

Di nuovo obsolescenza programmata?

Categoria Internet, Pensieri

Circa.un mese fa la Fire Stick di mia madre ha iniziato a dare i numeri, o meglio ha iniziato a funzionare male.

La chiavetta ha iniziato a scollegarsi dal Wi-Fi, caricato male i video, interruzioni improvvise e visualizzazioni dei video mal definiti. Nonostante il riavvio ed il ripristino ai dati di fabbrica non si è ripresa. Risultato? Chiavetta nuova e tutto è magicamente passato.

Ora come per magia anche quella che abbiamo a casa sta dando i medesimi problemi! La chiavetta non è nuova, tutt’altro, ha sulle spalle alcuni anni.

Devo ammettere che i medesimi problemi sulla medesima chiavetta mi fa strano, che sia obsolescenza programmata? Sarò io malfidato?

Mag
29

Riparare

Categoria Pensieri

Ho sempre smontato e rimontato le cose, da bambino lo facevo con le macchinine, ne scambiavo i pezzi, cercavo di capire cosa ci fosse dentro e come funzionavano le cose, poi è arrivato il LEGO, smontare, rimontare e creare cose nuove ogni volta.

Alcuni giorni addietro ero da mia madre e mio figlio ha tirato fuori dei binocoli. Mi sono accorto che c’era un problema con l’ottica.di destra, si riusciva a mettere a fuoco ma puntava nella direzione sbagliata, praticamente guardando con entrambi gli occhi le immagini erano sdoppiate, pertanto binocoli inutilizzabili.

Mi sono ricordato che i binocolo erano dei miei nonni materni e che funzionavano male già da parecchi anni.

Alla fine guardandoli ho notato che la parte anteriore dei binocoli era di poco storta sul lato destro, sintomo che aveva preso una botta.

Alla.fine con l’aiuto dell morsamin cantina e di un po’ di forza sono riuscito a riposizionare l’ottica in maniera corretta e ora i binocolo funzionano alla perfezione.

Provo sempre una certa soddisfazione quando riparo qualcosa, anche quando sono piccole cose.

Mag
27

Prostituzione

Categoria Pensieri

Titolo forte, lo so, ma è da tempo che ci penso e sostengo il mio pensiero, con questo non è che intendo darmi al meretricio o simili attività, sia chiaro.

Lo sfruttamento della prostituzione è deplorevole, costringere una persona a fare un qualcosa che non intende fare è deplorevole e va stigmatizzato e combattuto, dall’altra parte però ci sono molte persone (uomini e donne) che decidono autonomamente e volontariamente di diventare sex worker e su tale scelta non ci trovo nulla di male, personalmente essendo libertario ritengo che ognuno possa fare quello che preferisce fino a quando non lede la libertà altrui.

Il meretricio è il mestiere più vecchio del mondo e non sarà mai estirpato, potrà essere nascosto al massimo, ma domanda ed offerta esistono e nessuna legge o Stato potrà fermarlo.

La Legge Merlin ha di fatto chiuso le case chiuse ma ha ottenuto come risultato che le donne che vi lavoravano sono finite in strada, se prima erano sfruttate dentro tali attività dopo sono state sfruttate dalla criminalità o comunque ci si è trovate zone con donne (e non solo) ai lati delle strade con falò notturni e tutto quello che ne concerne ed è venuto meno il controllo che lo Stato faceva per la salute pubblica con ovvio rischio di spandimento di malattie più o meno gravi e pericolose.

In una nazione civile riterrei che sarebbe il caso di normare la prostituzione, come peraltro hanno fatto nella civilissima e sede dell’Europa in Bruxelles dove esiste, come in Amsterdam, il quartiere a luci rosse, o come ha fatto la Svizzera, insomma non ci si nasconde dietro un dito ed il perbenismo.

Nell’ultimo periodo ho avuto due cantieri nel centro storico di Genova, poco distanti dalla sede del Sindaco, quindi direi zona frequentata e teoricamente controllata, dove molte abitazioni sono diventate AirB&B, pochi residenti e un buon numero di professioniste del sesso, con conseguente via vai di clienti.

Penso inoltre che la chiesa si è sempre schierata contro tale pratica e ha sempre stigmatizzato lo sfruttamento della donna in tal senso, peccato che la Curia di Genova sia, dopo quella di Roma, quella più ricca in termine di lasciti ed immobili proprio nel centro storico. Esiste una zona chiamata “il ghetto” dove vi sono “i bassi” locali al piano terreno che hanno più o meno sempre ospitato le prostitute e che tutt’ora utilizzano pagando un affitto, affitto che guarda caso va alla Curia. Non è sfruttamento? Indiretto si ma sempre sfruttamento vista l’origine dei denari. Ma pecunia non olet ovviamente.

Se ci pensiamo freddamente ogni tipo di lavoro è una sorta di prostituzione, che sia fisica o intellettuale, una persona viene pagata per svolgere una attività da un altro soggetto, pertanto non capisco la ritrosia a voler normare e regolamentare un qualcosa che potrebbe anche generare un profitto per le casse dello Stato sempre affamate.

Come sempre siamo legati ai benpensanti e alla volontà della Chiesa ma non ragioniamo freddamente sulle cose e rimaniamo a metà del guado, con problemi e mezze soluzioni o facendo finta che il problema non esista. Resto perplesso.

Mag
24

Quando non sai cosa dire e fare…

Categoria Pensieri

Alcuni giorni addietro ho sostenuto che gli USA sono passati ad un altro livello di guerra, dopo pochi giorni leggo che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America sostiene che la Russia abbia usato armi chimiche contro l’esercito Ucraino. Non mi stupirei fosse vero, ricordiamo tutti l’uso del gas nervino contro i terroristi ceceni che ha causato anche morti civili dentro il teatro in Russia, quindi se lo hai fatto una volta chi ti vieta di rifarlo di nuovo?

Però non so perchè ma sentire una tale affermazione dagli USA mi ricorda tanto le armi di distruzione di massa e simili che avrebbe dovuto avere Saddam in IRAQ e altre affermazioni che poi si sono rivelate errate e del tutto inventate.

Sembra quasi che gli americani, quando non riescono a trovare una strada logica per ottenere un risultato, qualsiasi esso sia, buttino tutto in vacca affermando che un loro nemico (e quindi nemico del mondo civile e democratico rappresentato dal paese a stelle e strisce) ha un’arma pericolosissima, che ha usato o che potrebbe usare contro civili inermi.

Con questo non voglio dire che i russi non siano pericolosi, ma aggiungere benzina su di una situazione più che esplosiva e relativamente pericolosa non mi sembra molto sensata, meno male che lavorano per la pace, strano modo…

Mag
20

Dubbi sulla sicurezza – parte 11

Categoria Pensieri

Dopo una vita riapro la serie sui miei personali dubbi relativamente alla sicurezza nei cantieri edili (e non solo), essendo figura che si occupa di sicurezza nei cantieri edili conosco la realtà del lavoro in un ambito dove i rischi di farsi seriamente male sono molteplici e causano purtroppo feriti gravi e vittime.

Tutti abbiamo vissuto le ore e giornate dopo che a Firenze alcuni operai hanno perso la vita nel cantiere per la costruzione di un nuovo punto vendita Esselunga. L’incidente è stato probabilmente causato da un problema strutturale, parrebbe che durante la posa di una trave prefabbricata la mensola di collegamento con il pilastro abbia ceduto di colpo e questo ha causato il collasso di un solaio schiacciando gli operai, ovviamente è una delle ipotesi e non è stata confermata m guadando le immagini in televisione ho notato questa cosa. Comunque è ancora presto per avere risposte e capire se l’incidente è stato causato da un errore umano o un problema di natura diversa.

Da li si è fatto gran parlare di sicurezza e di incidenti sul lavoro, anche perchè oltre che in ambito edilizio ci sono stati molti altri incidenti in altre attività e non è concepibile che una persona esca di casa per andare a lavoro per guadagnarsi da vivere per non farvi poi ritorno per i problemi più disparati.

A seguito dell’incidente il primo maggio c’è stata anche una manifestazione a Firenze proprio davanti al cantiere sequestrato per chiedere più sicurezza sul lavoro ed altro. Nei giorni subito successivi all’incidente molti hanno parlato degli operai che purtroppo hanno perso la vita e a seguito dei primi accertamenti sembrerebbe che questi fossero li a lavorare in nero, pertanto invisibili e senza alcun tipo di tutela, molti hanno proprio sottolineato questa cosa come se fosse la causa dell’incidente.

Tolto che non si deve lavorare e far lavorare persone non formate e non in regola per tutti i motivi leciti che prevedono le normative nazionali, che questi operai fossero o meno in regola poco importa, non è che se fossero stati regolari sarebbero stati protetti dal crollo di un solaio come se ci fosse stato un casco di protezione invisibile sulle loro teste! Sarebbero morti ugualmente, quindi il problema è da ricercarsi, se venisse fuori l’errore umano, nella mancata formazione a quell’attività e non altri motivi fantasiosi.

L’edilizia, visto il bassissimo livello di scolarizzazione di chi lavora è facile che le persone impiegate non riescano a valutare pericoli e problemi, molto spesso ho personalmente difficoltà con la lingua parlata dagli operai che alcune volte non parlano italiano e non lo capiscono, poi ci sono operai abituati a lavorare nella maniera sbagliata e ritengono ogni tipo di modifica al loro operato inutile ed una perdita di tempo, le abitudini sono difficili da cambiare e sottovalutare un pericolo quando si è abituati mette a rischio tutti.

Ovviamente lo Stato ha cercato di mettere in funzione la cosi detta Patente a punti (in realtà si chiama Patente a crediti) per poter limitare l’azione di quelle aziende che disattendono le normative e hanno incidenti anche gravi tra i dipendenti. Sin qua sarebbe tutto molto bello, se un operaio si fa seriamente male o peggio l’azienda perde questi crediti e non può operare e partecipare ad esempio a gare pubbliche fino a quando non recupera quanto perso, come la patente della macchina, nulla di strano.

La cosa divertente, tristemente aggiungerei, è che i crediti sono 30 ma se si arriva a 15 si viene sospesi dalle attività! Non se ne capisce il motivo per cui i punti disponibili non siano solo 15 a questo punto, intanto la realtà è questa! In più sembra che all’italiana esistano alcune gabole per svincolarsi dalla patente a punti, ad esempio avere una certificazione in materia di sicurezza sul lavoro (certificazioni che di solito si limitano a controllare la carta e poco altro). Insomma si parte con un’idea e si arriva a tutt’altro.

Ovviamente permane il problema normativo che è da sempre tarata su una realtà di cantieri ed imprese di dimensioni importanti come Terzo Valico e simili, pertanto le aziende coinvolte solitamente hanno un ufficio tecnico strutturato all’interno, composto da persone formate e specializzate in grado di leggere documenti e norme, produrre documenti coerenti e gestire gli aspetti del cantiere e della sicurezza (anche se poi come i fatti dimostrano qualcosa va in corto e l’incidente è fornito), la realtà del più dei cantieri è di piccole dimensioni e le ditte coinvolte spesso e volentieri sono piccole, composte alle volte da familiari e la gestione carta diventa problematica e complessa, senza contare che il più delle attuali ditte edili (e non solo) sono composte da stranieri e torniamo al problema della lingua, insomma il legislatore, come sempre, sembra essere distaccato dalla realtà non capendo che il mondo del lavoro e dell’edilizia è molto più variegato e complesso da gestire e spesso le normative diventano anche una catena per poter lavorare.

Riterrei più utile avere una formazione reale degli operai e dei datori di lavoro e norme applicabili, chiare ed enti che oltre a fare controlli (e multe perchè loro sono enti di controllo e non di consulenza) dovrebbero aiutare a risolvere i problemi oltre a sanzionare e basta. Come sempre nel mondo che vorrei tutto questo sarebbe realtà e invece…

Post precedenti: link

Mag
17

Condomini, maleducazione e barbecue

Categoria Pensieri

Avendo fatto un anno e mezzo di architettura dopo il diploma ho letto alcuni libri scritti da architetti per gli architetti, uno su tutti, che ancora oggi conservo è La città Utopie e realtà di Francoise Choay dove in due volumi vengono descritte le idee per creare città vivibili e di conseguenza edifici e nel secondo volume vengono riportate le idee di grandi architetti che hanno segnato l’urbanistica delle città.

Quello che mi aveva colpito era l’enfatizzare i lati positivi del vivere in condomini, oltre che per ridurre l’estensione delle città, sottolineando che in tal modo si sarebbero create delle comunità dentro la comunità cittadina, come anche la centralità delle piazze perchè creano punti dove le persone possono incontrarsi.

Il condomino di per se è comodo perchè posso concentrare in uno spazio abbastanza ridotto come territorio impiegato un buon numero di persone, le metropoli ne sono un esempio con la verticalizzazione degli edifici.

Ma gli aspetti negativi esistono eccome e personalmente ritengo che nella stragrande maggioranza delle volte superano quelli positivi, mi spiego meglio.

Tenuto conto che non sono poi una persona così socievole, sono educato, saluto sempre chi incontro nelle scale, sia che conosca la persona o che sia uno sconosciuto, do sempre il buongiorno e cerco di avere un buon comportamento, evito rumori, schiamazzi (con un bimbo di quattro anni non è semplicissimo) e comportamenti che possano urtare gli altri, principalmente perchè urtano un primis il sottoscritto, pertanto compiere determinate cose mi infastidisce molto.

Purtroppo l’edificio dove abito è composto da ben 38 appartamenti, pertanto di gente ne abbiamo a volontà e non tutti sanno vivere in comunità o comunque l’educazione dev’essere rimasta in uno dei pannolini che hanno usato da bambini.

Capita di avere il vicino che stende i panni senza accertarsi se questi sgocciolano (la centrifuga, questa grande sconosciuta) e bagnano i panni dei piani sottostanti, poi c’è chi fa rumori ad ogni ora del giorno e della notte e se si segnala la cosa tutti cadono dalle nuvole, infine di recente si è aggiunto il condomino amante del barbecue.

Partendo dal fatto che non apprezzo il cibo grigliato sul barbecue, trovo che abbia tutto il medesimo sapore bruciacchiato e mi stufo molto rapidamente, non trovo attraente affumicarsi e morire dal caldo per mangiare una bistecca, quando posso cuocermela comodamente in casa senza troppi fastidi, il vicino che ovviamente abita al piano terreno e ha a disposizione una terrazza ad ogni occasione di bel tempo nel fine settimana non perde occasione di affumicare tutti.

Solitamente il tutto accade la domenica, il grigliatore seriale si alza tardi e solitamente alle 13.00 da fuoco alle braci, ovviamente essendo tardi getta sulle fiamme un accelerante (credo benzina o simili con una puzza terribile e fumo nerastro che direi non essere proprio salutare) ed incurante delle fiamme dell’inferno, invece di attendere la formazione della brace inizia a grigliare (direi più flambé) aumentando il fumo.

Ovviamente il tutto è stato lamentato e segnalato da più condomini ma lui imperterrito prosegue nel suo rito affumicatore, la cosa peggiore è quando griglia nel periodo estivo, obbligando a chiudere le finestre per non essere a nostra volta affumicati. Se poi ci si aggiunge la musica a tutto volume (reggaeton) per tutto il tempo!

Onestamente chiederei a chi sostiene che vivere in un condominio sia positivo dove vivono loro, probabilmente piccoli condomini popolati da persone civili o case singole dove i vicini li vedo da lontano, difficile che vivano in sorte di pollai rumorosi.

Mag
15

La setta dei blogger estinti

Categoria Pensieri

Non è la prima volta che lamento la superficialità generale della rete e l’impoverimento dei contenuti in rete.

Negli ultimi tempi ho ripreso a scrivere qua con una certa costanza prendendo spunto da notizie e passioni che mi interessano, cosa che mi rilassa non poco e mi aiuta a ragionare su quello che scrivo e penso.

Alcuni giorni addietro ho trovato molto interessante il post di Emanuele in cui ha definito la rete come una piazza cittadina e che la superficialità che regna normalmente nelle piazze ha inondato la rete, è normale ma anche un po’ sconfortante onestamente ma poco o nulla si può fare se non resistere.

Ho commentato il post di Emanuele sostenendo che i blog sono come le piccole botteghe degli artigiani o dei rigattieri, aggiungo qua che solitamente sono piene di cose interessanti ma non in vista da scoprire e perdercisi dentro.

Ho anche commentato che involontariamente avevo anche le scatole giorni prima ad una frase o meglio una sorta di citazione dal film l’attimo fuggente, la Setta dei blogger estinti e forse lo siamo, resistiamo stoicamente ad un mondo che è cambiato e restiamo nella nostra piccola bottega sperando che arrivi qualcuno a curiosare.