Lo sfogo

Piccoli e grandi sfoghi personali sulle sventure che mi capitano

Mar
27

Docfa 4 ed errore di libreria MSVCR100.dll mancante in Windows 7

Categoria The Scrat's Lair

Purtroppo Docfa fa parte di quei programmi ideati dalla pubblica amministrazione che alle volte sono leggermente arretrati rispetto ai sistemi operativi che solitamente vengono impiegati dai tecnici e per tale motivo alle volte danno i numeri o non funzionano.

Un errore che può presentarsi è quello legato ad una libreria mancante e che può non essere presente nel sistema già dall’origine. La libreria in questione è “MSVCR100.dll”, le soluzioni sono due e di una sono sicuro della riuscita!

1. Installazione di Microsoft Visual C++ 2010 Redistributable Package

La strada è molto semplice, prelevare dal sito Microsoft (link) ed installare il programma, farà tutto da solo.

2. Installazione manuale di MSVCR100.dll

Prelevare la libreria da internet, ci sono molti siti che rendono disponibili questi file (link), quindi copiare il file (dopo averlo estratto dall’archivio zip) nella cartella PGM posta all’interno del programma Docfa.

Ora quando si va a fare la stampa del file si aprirà Adobe Reader senza problemi.

Mar
11

Eliminare la coda di stampa quando si blocca la stampa

Categoria The Scrat's Lair

Ogni tanto capita che la stampante non ne voglia sapere di stampare e rimane impegnata dall’ultimo processo avviato, in più a nulla serve tentare di eliminare il processo di stampa dal monitor della stampante.

Esiste un modo manuale per eliminare i processi di stampa e liberare la stampante dal suo torpore.

Per prima cosa andare nel “Pannelli di controllo” e selezionare “Strumenti di amministrazione” quindi “Servizi”, cercare la voce “Spooler di stampa” e con il click destro del mouse scegliere “Arresta”.

Il secondo passaggio è svuotare la cartella “C:\Windows\System32\spool\PRINTERS”.

Ora tornare ai servizi e riattivare “Spooler di stampa”

Feb
27

Retrogame: Carmageddon + DosBox + nGlide

Categoria Vario

dosbox-2010-12-10-14-59-22-39

Ed ecco che dopo aver parlato del secondo Carmageddon sono arrivato al primo. Probabilmente questo gioco ha fatto molto parlare di se, scorretto, violento ma anche molto divertente.

Il gioco nasce per MS-Dos, quindi il salto di generazione è ampio ed il divario tecnologico è incredibile, comunque con pochi accorgimenti il gioco può regalarci ancora qualche ora di svago anche se abbiamo un PC molto recente.

Prima di tutto procuriamoci i seguenti programmi:

  • DOSBox SVN Daum (fornisce tutto il supporto a nGlide senza dover impazzire) link
  • nGlide link
  • patch per schede 3DFX link

Installiamo i primi due programmi, quindi copiamo tutto il contenuto del disco d’installazione del gioco nel disco fisso in una cartella (ad esempio c:\carmainst), quindi lanciamo DosBox.

Ed ecco un ambiente familiare a chi il computer lo usava anni fa. Le istruzioni sono del tutto simili a quelle del vecchio dos con l’aggiunta di alcune istruzioni per la configurazione del sistema.

La versione SVN si differenzia dalla versione classica di DosBox per la presenza di un menu nella parte superiore della finestra del programma, il tutto rende la configurazione molto rapida e semplice.

Comunque al prompt digitare “mount c c:\giochidos” (la cartella può essere differente) e poi mount d “c:\carmainst”, il programma gestirà le due cartelle come se fossero due dischi fissi (volendo possiamo installare il gioco anche direttamente da CD, basta scrivere “mount e f:\ –t crdom”, ovviamente i percorsi possono essere differenti).

Quindi spostiamoci nella cartella di installazione ed installiamo il gioco all’interno della cartella “giochidos”, scegliere l’installazione completa.

Applichiamo la patch 3DFX al gioco.

Cerchiamo il file dosbox.conf dentro la cartella di DosBox, o lanciando il comando “Reset DOSBox mapper” presente nella cartella del menu Start  e alla voce “memsize” portiamo il livello a 64, quindi “memsize=64” e salviamo il file. In questo file possiamo anche inserire le istruzioni per eseguire il mount delle varie cartelle in automatico, inoltre si può modificare la risoluzione del gioco e altre cose.

Per sfruttare al massimo nGlide cancellare il file “glide2x.dll” dentro la cartella “win9x-glide2x”.

Ora spostiamoci nella cartella del gioco e lanciamo il file “carm3dfx.bat” e il gioco è fatto!

Feb
21

Vintage: Honda CN250

Categoria Garage

hondacn250

Nell’ultimo anno, ma forse non ci avevo mai fatto caso, ho notato che in giro per Genova c’è pieno di scooter Honda CN250, probabilmente il progenitore degli scooter moderni. Addirittura ci sono officine che si sono specializzate nella riparazione e nel restauro di questi storici scooter!

Ricordo la prima volta che ne vidi uno, ero a Roma con i miei genitori e stavamo facendo a piedi la strada per andare a San Pietro quando fermi ad un semaforo abbiamo visto passare tra le macchine uno strano veicolo a due ruote, lungo e basso, soprannominato immediatamente “motorone” da mio padre, ci siamo chiesti, abituati alle canoniche moto e vespe, come diamine si faceva a guidare in una posizione così distesa e soprattutto vista la lunghezza del mezzo come si faceva a fare le curve!

Dopo anni devo dire che la Honda aveva progettato un veicolo che a quanto pare è robusto, pratico, all’avanguardia e comunque che ha fatto storia e ha insegnato a molte case come progettare uno scooter.

Il motore ovviamente è un monocilindrico quattro tempi con variazione continua, freno a tamburo posteriore e a disco anteriore, ampio vano sotto sella accessibile dal retro, e cosa abbastanza nuova e strana per una moto (ma anche per una macchina) il quadro completamente digitale!

Oggi a rivedere questi scooter che circolano tra tutti gli altri è la normalità, comunque quelli oggi in circolazione sono tenuti molto bene e in alcune situazioni sono anche aggiornati o comunque personalizzati in molti particolari.

Feb
19

Generare file in formato PDF/A

Categoria The Scrat's Lair, Tips & Tricks

pdfcreator3Più che altro per chi lavora, può capitare che in vari modi venga richiesto di inviare file in formato PDF/A che differisce dal canonico formato PDF (per approfondire l’argomento rimando a Wikipedia). Ovviamente il formato viene normalmente gestito dal programma Adobe Acrobat Professional, ma anche Word (versioni 2007 e 2010) ed OpenOffice (credo anche LibreOffice) lo possono generare.

Esiste un modo più semplice se ci si trova ad utilizzare un programma che non genera PDF ed in particolar modo nel formato PDF/A (vedasi CAD o videoscritture come ABI Word o altri), basta utilizzare la stampante PDFCreator.

Prelevate il programma dal sito ufficiale ed installatelo: http://www.pdfforge.org/pdfcreator

Quando si dovrà stampare un documento in formato PDF selezionare la stampante virtuale che il programma avrà generato (solitamente si chiama PDFCreator) ed avviate la stampa.

Si aprirà una nuova finestra dove sarà possibile inserire una serie di informazioni, scegliere “Opzioni”

pdfcreator1

Si aprirà una nuova finestra, dall’elenco di sinistra scegliere la voce “Salvataggio” e a questo punto dal menu a tendina “Formato del documento predefinito” scegliere “PDF/A-1b” e quindi salvare.

pdfcreator2

Ora i PDF stampati avranno il formato PDF/A (per non fare la medesima strada per ritornare al formato normale, quando il programma chiede dove salvare il file basta selezionare PDF da menu a tendina a più pagina “Salva come”

pdfcreator4

Gen
28

Retrogame: Carmageddon 2: Carpocalypse Now

Categoria Giochi, The Scrat's Lair

1

Dopo aver ridato vita a Fahrenheit ho deciso di provare a far funzionare il vecchio e discusso Carmageddon 2, il gioco che all’epoca della presentazione del primo capitolo aveva fatto molto parlare e che alla fine era stato censurato in Italia.

Il secondo capitolo è molto simile come concetto al primo, aveva suscitato molta meno attenzione e alla fine lo lasciarono in pace.

Il gioco nativamente non girava nemmeno su XP, i produttori decisero di pubblicare una patch che eliminava il problema che a quanto sembra era dovuto al sistema di controllo della copia del disco.

Ovviamente sembra non volerne sapere di funzionare su Vista e 7, ma c’è un trucco.

Per prima cosa scaricare l’ultima patch disponibile la Super V2 (purtroppo la lingua del gioco sarà inglese come tutte le scritte presenti) da questo sito: http://rr2000.toshiba-3.com/pc-files#c2

Poi per far funzionare il gioco non si deve utilizzare il file “carma2.exe” purtroppo l’audio se viene scelto questo file non si sentirà.

Prelevare nGlide da questo sito: http://www.zeus-software.com/downloads/nglide, installarlo e lanciarlo, poi andiamo nella cartella del gioco (ad esempio nel mio caso: C:\Program Files (x86)\Carmageddon II – Carpocalypse Now) e lanciare l’eseguibile “CARMA2_HW.EXE” e il gioco è fatto.

Il programma nGlide è personalizzabile in molte parti e permette di giocare ad altri vecchi giochi come “Tomb Rider” e simili che erano nati per funzionare con schede 3DFX e similari.

Aggiornamento:

Ho fatto una prova per vedere di mantenere la lingua in italiano, basta prelevare la patch ufficiale per aggiornare il gioco alla versione per Windows XP ed utilizzare nGlide come ho già detto e tutto funziona perfettamente!

La patch è disponibile qua: https://dl.dropbox.com/u/25471213/Carma2/SCi_XP-Vista_patch.zip

Gen
23

Tick, tock, tick, tock,…

Categoria Vario

tumblr_maqta4XJ6K1qb5gkjo1_500

Con questo tempo è molto zen e mi rilassa l’idea di una pendola che fa questo rumore!

Gen
17

Anche Windows Live Mesh verrà terminato!

Categoria Informazioni, Internet, The Scrat's Lair

Sembra che Microsoft non riesca a stare ferma un secondo, non è molto che a Redmond hanno deciso di terminare l’uso di MSN, storico client di chat, per far passare tutti gli utenti a SkyPE! In questi giorni è arrivata la seconda notizia, Mesh dal 13 febbraio verrà terminato e con esso tutti i servizi associati, il tutto per passare a SkyDrive.

Mesh è stato sino ad oggi un ottimo servizio, permetteva di eseguire alcune semplici operazioni senza troppi problemi, una su tutti a mio avviso la sincronizzazione di una determinata cartella con uno spazio di 5 gb automaticamente e senza obbligare a dover copiare i files dentro una cartella predeterminata (un po’ come accade per DropBox o Google Drive).

Microsoft invita tutti gli utenti di Mesh a passare a SkyDrive scaricando la relativa applicazione e rende noto che dal 13 febbraio i files presenti nella cartella in rete verranno cancellati! Quindi all’occhio.

Peccato che SkyDrive (nonostante funzioni molto bene e a chi è iscritto da molto tempo consenta di archiviare gratuitamente 40 gb di files) funzioni esattamente come DropBox e Google Drive, si è obbligati ad usare una determinata cartella e a nulla vale indicargliene un’altra, infatti verrà creata una cartella dentro a quella che si vorrebbe utilizzare!

La mia valutazione è che probabilmente passerò il mio backup di files da Mesh a SugarSync (anche perchè li sono riuscito ad avere quasi 9 gb di spazio gratuito e posso decidere quali cartelle sincronizzare in completa libertà, unica pecca è che la procedura di copia dei files su server è lenta per non saturare la banda e non esiste nessuna impostazione per dire al programma di usare tutta la banda disponibile.

Gen
16

In fondo in fondo siamo dei bambinoni

Categoria Pensieri

Ammettiamo, noi maschi a qualsiasi età siamo rimaniamo dei bambinoni, ci si impegna, si fanno progetti a lunga durata, si mette su famiglia e si lavora seriamente, ma ci vuole poco per farci regredire allo stato di 14enni brufolosi!

Mi riferisco al fatto che da piccoli uno dei migliori giochi sono le macchinine, crescendo non si smette, le macchinine diventano in scala 1 a 1 e non facciamo nulla per nasconderlo, ad alcuni da piccoli piaceva giocare a pallone e ora ci sono 35 e 40enni che vanno a giocare a pallone con gli amici (qua l’unica controindicazione è che solitamente i 35-40enni tornano a casa pestati e ci mettono un po’ per rimettersi in sesto), poi ci sono i videogiochi che fanno imbambolare noi maschi per ore davanti al PC o alla televisione (in parte io faccio questa fine con brontolio sommesso della mia metà in sottofondo) e via così.

Le donne tutto sommato riescono a staccarsi da alcune cose infantili, come ad esempio le bambole, ma rimane la cosa della casa di Barbie che viene trasposta nell’abitazione, quella rimane un po’, però riescono a tagliare parte di questi legami che noi maschi non riusciamo a fare!

Gen
15

Una pazza idea che non metterò mai in pratica

Categoria Giochi, Pensieri

collezione_console

Ieri parlavo del GameBoy che è tornato in funzione e parecchio tempo fa avevo parlato del Commodore 64, facendo un rapido giro su ebay ho potuto constatare che ci sono una marea di venditori che propongono le varie console, più o meno conosciute, a prezzi veramente interessanti.

Ovviamente sono presenti console complete in tutte le loro parti ma senza la confezione originale, quelle complete di tutto (addirittura con tanto di prezzo in Lire ancora attaccato alla confezione) che costano di più e altre non funzionanti o da verificare (magari il venditore non ha i cavi o le cartucce originali per verificarne la funzionalità).

In apertura si può vedere una foto che ho trovato in rete e che mostra una collezione non male, anche se mancano alcune chicche che però sono difficilmente reperibili sul mercato. Ammetto che all’epoca non ero interessato alle console, più che altro non le conoscevo e i pochi contatti sono stati a casa di amici che avevano il classico NES, il SuperNES, la Play Station (che però mi lascia tutt’ora poco interessato) oppure l’unico contatto avuto con il mondo Sega è stato con il Mega Drive affittato (ebbene si) per un intero fine settimana, giocando a Sonic (a mio avviso un buon gioco).

Fatto sta che ora, all’alba dei 35 anni, non mi dispiacerebbe avere una piccola collezione di questi fossili informatici che comunque possono ancora regalare ore di divertimento senza avere tante pretese, ma so che se mettessi in pratica questa malata idea la mia metà mi butterebbe fuori di casa (già l’apparizione del GameBoy è stato accompagnato da una smorfia e l’aver conservato il C64 è stata oggetto di alcuni scambi d’opinione).

Poi mi è venuto in mente che un caro amico diventato da poco papà aveva un’altra console, l’Atari Lynx, chissà se lo ha ancora e se funziona? Quanto ne avrò l’occasione gliene parlerò!