Lo sfogo

Piccoli e grandi sfoghi personali sulle sventure che mi capitano

Apr
24

Una APP di dubbia utilità… Immuni

Categoria Pensieri by Piero_TM_R

Da giorni, oltre al lockdown mondiale, si fa un gran parlare della APP Immuni, sviluppata da una software house nostrana (in odore della famiglia Berlusconi) per monitorare i possibili contatti (e quindi contagi) tra persone sane e quelle affette dal famigerato SARS-COV-2 (anche detto coronavirus o Covid-19).

La APP, da installarsi su base volontaria (e non come affermato sui social sull’obbligo pena la reclusione in casa di chi non la installa o non ha uno smartphone) permetterebbe di monitorare i contatti tra le persone e quindi capire se un individuo positivo al Covid-19 può aver involontariamente contagiato altri.

Il sistema sembrerebbe piuttosto semplice, la APP installata sullo smartphone utilizzerebbe il bluetooth per mettersi in “contatto” con altri smartphone nei paraggi, se un soggetto successivamente a quel contatto risultasse positivo la APP lo comunicherebbe agli altri con cui è venuto in “contatto” avvisando della cosa l’utente. Fino a qua tutto molto bello e semplice, almeno sulla carta.

La APP, come dicevo, è ad installazione volontaria, pertanto se una persona non la usa non comunicherà nulla e non riceverà alcuna notifica, il fattore umano in informatica molte volte è determinante sulla riuscita o meno di qualcosa (legale o meno).

Il secondo problema è l’uso del bluetooth, infatti la APP sfrutta tale sistema poichè il GPS è si preciso ma fornisce eccessivi dati da elaborare ed il consumo di dati e batteria degli apparati potrebbe creare non pochi problemi agli utilizzatori. La porta bluetooth deve per prima cosa restare aperta e la APP manterrebbe il telefono visibile ed in continua ricerca di altri dispositivi. La visibilità di un telefono con il bluetooth è parzialmente un problema di sicurezza, infatti mantenendo il telefono visibile a tutti (oltre che a quanto accoppiato dall’utente come cuffie, smartwatch, vivavoce e via discorrendo) potrebbe essere oggetto di “aggressioni” da soggetti poco raccomandabili. Il problema della costante ricerca di altri apparati è invece un problema a carico della batteria, vista la costante ricerca per tutto il tempo di accensione del telefono, per gente come me che usa il telefono per lavoro e che spesso arriva a stento a fine giornata, potrebbe diventare un grosso problema.

Personalmente ritengo che l’affidabilità e precisione del bluetooth è relativa, il segnale della versione 5.0 arriva a 10 mt dal punto sorgente, quindi è facile pensare che i contatti potrebbero risultare molto vicini rispetto alla realtà (la distanza interpersonale è fissata tra 1,00 mt e 1,80 mt tra soggetti). Il GPS non avrebbe risolto la cosa, infatti anche quello ha uno scarto di una decina di metri e ci mette del tempo per affinarsi, consumando batteria e dati.

Poi c’è il problema Apple, infatti da Cupertino non è ben vista la funzione di ricerca costante, quindi viene limitata di fabbrica e bloccata per APP terze, quindi ad oggi gli utenti Ios sarebbero tagliati fuori. So che Apple sta lavorando ad un chip che permetterebbe di individuare altri device di Cupertino (anche se spenti) per essere trovati (inquietante), ma non credo che gli altri sviluppatori vorrebbero pagare dei diritti su una tecnologia Apple (non la venderebbe di certo a due lire) ancora in sviluppo e che comunque ad oggi taglia fuori tutta una fetta di utenti.

Molti si sono chiesti chi deterrà i dati ai termini di privacy, infatti la APP è in fase di sviluppo da una società privata a costo zero per lo Stato, ma molti si domandano cosa spinga una società a fare il buon samaritano e regalare di fatto un programma. Le informazioni in rete sono diventate il carburante, alcuni definiscono il tutto come petrolio virtuale. Comunque i dati da processare e trattenere (per quanto tempo, dove e cosa ci potrà fare chi li ha?) sono molti e datacenter di questo livello entro i confini italici non ce ne sono, quindi si suppone che vengano trattenuti in cluod chissà dove (si ipotizza server Microsoft o Amazon), ma dopo il fail del server INPS i dubbi rimangono.

Ad oggi la APP è in fase di test e sviluppo e non si sa quando dovrebbe essere distribuita (sembra che vi siano anche dei problemi con gli store Google ed Apple), lo Stato spera di aver e APP installate per circa 1/3 della popolazione, ma la vedo dura, sembra che l’omologa coreana (Corea del Sud) non sia andata poi così bene, nonostante la popolazione sia mediamente giovane e la tecnologia sia largamente utilizzata e diffusa.

  1. Lo sfogo » Blog Archive » Immuni parte 2 ha scritto,

    […] giorni fa scrivevo alcune considerazioni sulla futura APP Immuni per verificare il possibile contatto tra chi è […]

Lascia un commento