Lo sfogo

Piccoli e grandi sfoghi personali sulle sventure che mi capitano

Archivio per la categoria ‘Film’

Nov
08

Film: The social network

Categoria Film

Nel fine settimana ho voluto vedere il film sulla nascita del social network che ha in parte sconvolto il mondo del web, il famigerato Facebook.

Ho trovato che il film sia un po’ troppo per gli appassionati di informatica, infatti i personaggi, come mi aspettavo, sono tutti dei nerd. Non sapevo che nella società fosse entrato anche l’ideatore di Napster.

Il film è tutto incentrato parallelamente sulla nascita del social network e sull’idea che lo ha generato, ma anche sulle vicende legali che hanno coinvolto Zuckerberg. Quest’ultimo non ci ha fatto una bella figura, anzi, è stato dipinto come una persona con difficoltà a relazionarsi con gli altri, un po’ trasognato e coccolato dall’ideatore di Napster. Litiga con tutti e mette all’angolo anche il suo migliore amico.

Il film non è un granchè, un po’ fiacco come tutte le trasposizioni della realtà, è probabile che comunque i fatti avranno sicuramente subito un riarrangiamento.

Da vedere solo se veramente motivati ed incuriositi dalla cosa, altrimenti lasciate stare.

 

Scheda tratta da FilmUP

Trama:
In una sera d’autunno del 2003, lo studente di Harvard Mark Zuckerberg, un genio dell’informatica, siede al suo computer e inizia con passione a lavorare ad una nuova idea. Passando con furore tra blog e linguaggi di programmazione, quello che prende vita nella sua stanza diventerà ben presto una rete sociale globale che rivoluzionerà la comunicazione. In soli sei anni e con 500 milioni di amici, Mark Zuckerberg è il più giovane miliardario della storia … ma per lui il successo porterà anche complicazioni sia personali, sia legali. Dal regista David Fincher e lo sceneggiatore Aaron Sorkin arriva The Social Network, un film che dimostra che con 500 milioni gli amici è inevitabile non farsi dei nemici. Il film è prodotto da Scott Rudin, Dana Brunetti, Michael De Luca e Ceán Chaffin, tratto dal libro The Accidental Billionaires di Ben Mezrich.

Ago
26

Film: Avatar

Categoria Film

Quest’estate alla fine anch’io ho visto Avatar, nonostante i miei dubbi e perplessità verso il film, il tutto grazie ad una coppia di amici che ci hanno prestato il DVD. Ebbene si non sono riuscito a staccarmi dal computer e mi sono portato il notebook in ferie.

Devo ammettere che di per se il film è realizzato molto bene, con ambientazioni più che realistiche e molto ben realizzate, altrimenti come avrebbe fatto James Cameron a motivare il costo del film e il tempo che c’è voluto per metterlo insieme?

Non posso dire che sia un brutto film, però la storia è scontata già dai primi minuti, si capisce come andrà a finire, quindi poche sorprese. Inoltre personalmente ho avuto più l’idea di vedere un videogioco con una grafica sbalorditiva più che un film.

Gradito il ritorno della Weaver che è tornata alla fantascienza dopo Alien (personalmente una delle serie che più ho apprezzato). Gli altri attori mi erano in parte sconosciuti, a parte Michelle Rodríguez (interprete di due dei tre Fast & Furious) e Giovanni Ribisi, difficile associare un volto a chi ha donato le movenze e parte dei lineamenti ai Na’vi, comunque leggendo i nomi degli interpreti non ho memoria di loro e dei lavori pregressi.

Personalmente il film mi ha lasciato un po’ combattuto, bella in parte la storia, ambientazioni incredibili e creature con movenze molto realistiche, ma non sono completamente convinto del prodotto nel suo insieme, troppo computer (e per uno che li apprezza e li usa molto non è una cosa da poco), troppi effetti speciali e recitazione secondo me in parte compromessa, non dev’essere per niente bello recitare tutto il tempo davanti ad uno schermo verde sapendo che la propria faccia ed il proprio corpo saranno modificate da un computer.

Lo consiglio a chi ama i film fantascentifici e catastrofici, comunque non è un film da buttare, forse un po’ troppo pubblicizzato.

Scheda tratta da FilmUP: Avatar
Titolo originale:     Avatar
Nazione:     U.S.A.
Anno:     2009
Genere:     Azione, Fantascienza, Thriller
Durata:     166′
Regia:     James Cameron
Sito ufficiale:     www.avatarmovie.com
Sito italiano:     www.avatarilfilm.it

Cast:     Sam Worthington, Zoe Saldana, Laz Alonso, Sigourney Weaver, Michael Biehn, Wes Studi, Joel Moore, CCH Pounder
Produzione:     Twentieth Century-Fox Film Corporation, Giant Studios Inc., Lightstorm Entertainment
Distribuzione:     20th Century-Fox
Data di uscita:     15 Gennaio 2010 (cinema)
Nomination Oscar 2010

Trama:
Jake Sully, é un ex marine costretto a vivere su una sedia a rotelle. Nonostante la disabilità fisica, nel cuore Jake è rimasto un combattente. Viene arruolato e, dopo un viaggio di alcuni anni luce, raggiunge l’avamposto degli umani su Pandora, dove un consorzio di aziende è impegnato nell’estrazione di un raro minerale, indispensabile per risolvere la crisi energetica sulla Terra. Poiché l’atmosfera di Pandora è tossica, è stato sviluppato il Programma Avatar, che permette di collegare la coscienza umana a un avatar, cioè un corpo biologico guidato a distanza, in grado di sopravvivere all’atmosfera letale del pianeta. Questi avatar sono ibridi geneticamente modificati in cui il DNA umano è stato mescolato con quello della popolazione indigena di Pandora… i Na’vi. Rinato nel corpo di un avatar, Jake può camminare di nuovo e dare inizio alla missione che gli è stata assegnata: infiltrarsi nel mondo dei Na’vi, che sono diventati un serio ostacolo per le attività estrattive del prezioso minerale. Ma una bellissima donna Na’vi, Neytiri, gli salva la vita e questo cambia tutto. Jake viene accolto nel suo Clan e impara ad essere uno di loro, dopo avere superato molte prove e vicissitudini. Man mano che il rapporto tra Jake e la riluttante insegnante Neytiri si approfondisce, l’uomo impara a rispettare i Na’vi e il mondo in cui vivono e, alla fine, si schiera dalla loro parte. Presto Jake dovrà affrontare la prova finale, guidando i Na’vi in una battaglia epica che deciderà il destino di un mondo intero.

Mag
17

Film: Hachiko

Categoria Film

Prima di mettersi davanti alla TV per vedere questo film consiglio di procurarsi un po’ di fazzoletti, la lacrima alla fine è inevitabile.

Il film è emozionante e toccante, se poi si pensa che la storia è ispirata ad una vicenda accaduta realimente in Giappone alla fine degli anni ’30, l’emozione aumenta. Il film narra di un cane che “trova” il suo padrone alla stazione e che non lo lascerà mai più, nemmeno dopo una piccola tragedia. Hachi diventerà una sorta di mascotte della stazione dove ogni giorno alle 17.00 aspetterà il suo padrone, seduto sempre nello stesso posto.

Consigliato a tutti, senza dubbio, anche se alla fine prende un po’ di magone. Molto bello.

Hachiko – il tuo migliore amico
Titolo originale:     Hachiko: A Dog’s Story
Nazione:     U.S.A.
Anno:     2009
Genere:     Drammatico
Durata:     98′
Regia:     Lasse Hallström
Sito ufficiale:     www.hachithemovie.com
Sito italiano:     www.luckyred.it/hachiko

Cast:     Richard Gere, Sarah Roemer, Joan Allen, Jason Alexander, Cary-Hiroyuki Tagawa, Erick Avari, Donna Sorbello, Robert Capron, Davenia McFadden, Bates Wilder
Produzione:     Inferno Productions
Distribuzione:     Lucky Red
Data di uscita:     Roma 2009
30 Dicembre 2009 (cinema)

Trama:
Hachiko, A Dog’s Story, emozionante riadattamento americano di un famoso racconto giapponese ispirato a una vicenda vera, è la storia di Hachi, un cane di razza Akita, e dell’amicizia speciale con il suo padrone. Ogni giorno Hachi accompagna il professor Parker (Richard Gere) alla stazione e lo aspetta al suo ritorno per dargli il benvenuto. L’emozionante e complessa natura di ciò che accade quando questa routine viene bruscamente interrotta rende la storia di Hachi una favola per tutte le età. L’assoluta dedizione di un cane nei confronti del suo padrone ci mostra lo straordinario potere dei sentimenti e come anche il più semplice fra i gesti possa diventare la più grande manifestazione di affetto mai ricevuta.

Dic
21

Film: Millennium Trilogy

Categoria Film

Secondo dei quattro film noleggiati da Blockbuster. Il film in questione è il secondo capitolo della Millennium Trilogy scritta da Stieg Larsson, scrittore e giornalista svedese, il capitolo precedente di cui mi ero scordato si intitola “Uomini che odiano le donne”, uscito tempo fa e veramente coinvolgente ed agghiacciante per gli argomenti trattati.

La serie dai tratti molto noir e girata ed ideata in maniera magistrale mi ha fatto scoprire il cinema svedese, che devo ammettere non ha nulla da invidiare al cinema di Hollywood.

Il primo capitolo è crudo e molto violento, dove un giornalista scopre cose che sarebbero dovute restare nascoste.

Uomini che odiano le donne
Titolo originale:     Män som hatar kvinnor
Nazione:     Svezia, Danimarca
Anno:     2009
Genere:     Thriller
Durata:     152′
Regia:     Niels Arden Oplev
Sito ufficiale:     www.millenium-lefilm.fr
Sito italiano:     www.uominicheodianoledonne.it

Cast:     Peter Haber, Noomi Rapace, Michael Nyqvist, David Dencik, Georgi Staykov, Tomas Köhler, Lena Endre, Per Oscarsson, Ingvar Hirdwall, Gunnel Lindblom
Produzione:     Nordisk Film, Sveriges Television, Yellow Bird Films, ZDF Enterprises
Distribuzione:     Bim Distribuzione
Data di uscita:     29 Maggio 2009 (cinema)

Trama:
Dopo aver perso una causa per diffamazione, il giornalista economico Mikael Blomqvist, si trova ad attraversare un periodo difficile, ed accetta l’offerta dell’ottantenne Henrik Vanger, patron di una grossa industria svedese, che lo ingaggia per investigare sulla scomparsa dell’adorata nipote Harriet Vanger, avvenuta trent’anni prima. Per dargli una mano, gli viene affiancata la hacker informatica Lisbeth Salander. Insieme i due scoprono una fitta rete di segreti all’interno della famiglia Vanger che potrebbero essere decisivi per poter arrivare alla scoperta della verità…

Anche il secondo capitolo non è delicato, la violenza e la cattiveria la fanno da padrone e anche questa volta Blomqvist si ritrova coinvolto in questioni molto spinose gestite da criminali che non hanno scrupoli, inoltre viene a conoscenza di fatti legati al’adolescenza di Lisbeth, peccato che per sapere come andrà a finire la storia si dovrà aspettare l’uscita del terzo capitolo intitolato “La regina dei castelli di carta”.

La ragazza che giocava con il fuoco
Titolo originale:     Flickan som lekte med elden
Nazione:     Svezia
Anno:     2009
Genere:     Thriller
Durata:     
Regia:     Daniel Alfredson
Sito ufficiale:     www.laragazzachegiocavaconilfuoco.it

Cast:     Noomi Rapace, Michael Nyqvist, Lena Endre, Georgi Staykov, Sofia Ledarp, Micke Spreitz, Per Oscarsson, Paolo Roberto
Produzione:     Nordisk Film, Sveriges Television, Yellow Bird Films, ZDF Enterprises
Distribuzione:     Bim Distribuzione
Data di uscita:     25 Settembre 2009 (cinema)

Trama:
Due giornalisti della rivista Millenium vengono brutalmente assassinati proprio quando stanno per pubblicare clamorose rivelazioni sul mercato del sesso in Svezia. E sull’arma del delitto ci sono le impronte di Lisbeth Salander (Noomi Rapace), una ragazza che ha alle spalle una storia di comportamenti violenti, considerata pericolosa. Ora Lisbeth è ricercata. Ma sembra che nessuno riesca a trovarla. Intanto, il direttore della rivista, Mikael Blomqvist (Michael Nyqvist), non crede a quello che dicono i notiziari: conoscendo Lisbeth, sa che diventa violenta quando ha paura, e cerca in tutti i modi di arrivare a lei prima della polizia. Mentre indaga per ricomporre la trama di un complicato puzzle, Blomqvist si trova a fare i conti con alcuni spietati criminali, tra cui lo spaventoso “gigante biondo” armato di motosega – un omone che non sente il dolore fisico. Nel corso delle sue indagini, Blomqvist scopre anche alcuni tragici e dolorosi eventi della vita di Lisbeth: internata in un istituto psichiatrico a 12 anni e dichiarata incapace a 18, la giovane è il prodotto di un sistema ingiusto e corrotto. Ma più che una vittima impotente, Lisbeth è l’angelo vendicatore che si abbatte su chi le ha fatto del male con una collera terrificante nella sua intensità, ma prodigiosa nei risultati.

Dic
07

Film: Io & Marley

Categoria Film

Visto l’attuale ponte (lavorativo per il sottoscritto), dopo aver fatto l’albero di Natale (non ho ancora messo le lucine fuori), io e la mia metà abbiamo pensato di sfruttare l’attuale promozione di Blockbuster che permette il noleggio di ben quattro DVD per cinque giorni, il tutto per € 10,00.

Tra le scelte c’è stato questo film interpretato da Jennifer Aniston ed Owen Wilson ed un labrador molto simpatico. Sulle prime sinceramente, leggendo la trama, ho pensato ad una copia di Beethoven, invece il film è veramente ben fatto e simpatico, inizia come una commedia, con il labrador cucciolo che combina una marea di guai di ogni tipo, tanto che viene più volte definito “il peggior cane del mondo”, con il passare del tempo i due interpreti bipedi decidono di avere dei figli, cambiare città, casa, il bellissimo Marley continua a combinare guai di ogni tipo.

Il finale è un po’ amaro e devo ammettere che trattenere la lacrima è veramente difficile. Bellissimo ed adatto a tutta la famiglia.

Scheda:
Titolo originale:     Marley & Me
Nazione:     U.S.A.
Anno:     2008
Genere:     Commedia
Durata:     120′
Regia:     David Frankel
Sito ufficiale:     www.marleyandmemovie.com

Cast:     Jennifer Aniston, Owen Wilson, Alan Arkin, Kathleen Turner, Haley Bennett, Clarke Peters, Eric Dane, Jennifer Wiener, Haley Hudson, Victoria Roman
Produzione:     Fox 2000 Pictures, Regency Enterprises
Distribuzione:     20th Century Fox
Data di uscita:     03 Aprile 2009 (cinema)

Trama:
Mentre cade la neve la notte delle loro nozze, i neosposi John e Jenny Grogan (Owen Wilson e Jennifer Aniston) decidono di lasciarsi alle spalle il rigido inverno del Michigan e partono per il sud per iniziare una nuova vita a West Palm Beach, in Florida. Trovano lavoro come giornalisti in due quotidiani locali concorrenti, comprano la loro prima casa e iniziano ad affrontare le sfide della vita matrimoniale e del nuovo lavoro, oltre a prendere in considerazione l’idea di cambiare per sempre la loro vita mettendo su famiglia. John, che non è certo di essere pronto a diventare padre, confessa i suoi timori all’amico e collega Sebastian, che ha per lui la soluzione perfetta: regalare a Jenny un cucciolo. “Niente di più facile”, afferma Sebastian. “Lo porti a spasso, gli dai da mangiare, lo fai uscire ogni tanto”. E così arriva Marley. I Grogan adottano un graziosissimo labrador biondo di cinque chili che, in breve tempo, diventa un rullo compressore: quarantacinque chili di energia incontrollata che trasformano la casa dei Grogan in un’area disastrata. La scuola di addestramento non ha alcun esito: Marley stacca a morsi pezzi di cartongesso dalle pareti, morde il divano, rovescia i secchi dell’immondizia, ruba un tacchino il giorno del Ringraziamento, distrugge cuscini e fiori, beve l’acqua del water e insegue il fattorino dell’UPS. Perfino una costosa collana appena acquistata non è al sicuro dalle voraci bravate di Marley. Nel marasma che crea nel corso degli anni, Marley osserva i Grogan vivere gli alti e bassi della vita familiare, cambiare lavoro e casa e, soprattutto, affrontare la miriade di difficoltà tipiche di una famiglia in crescita. Come John e Jenny realizzano, Marley – “il cane peggiore del mondo” – in qualche modo tira fuori il meglio da loro.

Ago
25

Film: Gran Torino

Categoria Film

Non credo che Clint Eastwood abbia bisogno di presentazioni, chi non lo conosce e ha visto almeno un suo film? Direi nessuno.

Gran Torino prende in prestito il nome di una macchina della Ford degli anni ‘70 che ha fatto storia (era la macchina del noto telefilm “Starsky e Hutch”) e per bocca di Eastwood sarà l’ultimo che interpreterà.

Il film parla di un veterano della guerra in Korea che dopo parecchi anni conserva un notevole rancore verso gli orientali, destino vuole che nella casa vicino alla sua vadano ad abitare dei koreani, ma proprio grazie a loro, ed in particolare del ragazzo Tau, riuscirà a superare i suoi pregiudizi.

La trama è veramente bella ed interessante e nonostante sia tendenzialmente drammatica fa anche sorridere per i modi di fare da burbero del signor Kowaski. Molto bello e consigliato a tutti.

Gran Torino
Titolo originale: Gran Torino
Nazione: U.S.A.
Anno: 2008
Genere: Drammatico, Thriller
Durata: 116′
Regia: Clint Eastwood
Sito ufficiale: www.thegrantorino.com
Sito italiano: www.warnerbros.it/grantorino/

Cast: Clint Eastwood, Christopher Carley, Bee Vang, Ahney Her, Brian Haley, Geraldine Hughes, Dreama Walker, Brian Howe, John Carroll Lynch, William Hill, Scott Eastwood
Produzione: Double Nickel Entertainment, Gerber Pictures, Malpaso Productions, Media Magik Entertainment, Village Roadshow Pictures, Warner Bros.
Distribuzione: Warner Bros.
Data di uscita: 13 Marzo 2009 (cinema)

Trama:
Un veterano della guerra in Korea, Walt Kowalski, vive in un quartiere popolato proprio da koreani. Il suo carattere difficile, lo ha portato, negli anni, ad allontanarsi dai suoi famigliari, ed ora che nel suo quartiere si sta scatenando una banda tra bande rivali, si ritrova sempre più solo. Quando, però, le schermaglie arrivano ad interessare il suo vicino di casa, nonostante questi cerchi di rubargli la sua Ford Gran Torino del 1972 custodita gelosamente in garage, Kowalski, interviene in sua difesa, mettendo a repentaglio la sua stessa vita. Per questo gesto l’uomo viene considerato un eroe, e per ringraziarlo, i suoi vicini, cercheranno di aiutarlo a riportare l’armonia con i suoi familiari.

Ago
05

Film: Animal house

Categoria Film

In queste sere d’estate, contando i giorni che mi separano dalle ferie (per fortuna più pochi), non trovando nulla d’interessante da vedere alla sera (repliche di cose già replicate alla nausea) ho deciso di vedermi un film di alcuni anni fa di cui ho sentito parlare più di una volta.

Animal house con John Belushi, film comico che ha parecchi anni alle spalle e che ha insegnato a molti ed è stato ispirazione per moltissimi altri film sul genere. Ancora oggi il famoso Toga Party è ancora in uso nei college americani.

Il film si svolge in un college americano e più precisamente in una confraternita al limite della legalità, con problemi di disciplina e che nel giro di pochissimo tempo diventerà l’obiettivo da eliminare.

La prima parte del film è veramente divertente e più di una volta ci si fa una risata, mentre la seconda parte è un po’ sconclusionata e sembra poco legata al resto, fino al massimo della follia con la parata cittadina interrotta dalla confraternita.

Un film poco impegnativo e divertente per queste serate di caldo e noia.

Animal House
Titolo originale: Animal House
Nazione: Usa
Anno: 1978
Genere: Commedia
Durata: 109′
Regia: John Landis
Sito ufficiale:     

Cast: John Belushi, Tim Matheson, John Vernon, Verna Bloom, Tom Hulce, Cesare Danova, Kevin Bacon
Produzione: Ivan Reitman, Matty Simmons
Distribuzione: Columbia
Data di uscita: 11 Dicembre 2001 (Dvd)

Trama:
I membri di un club studentesco di un college americano si divertono facendo scherzi goliardici, giocando con le ragazze e organizzando mega-feste..

Lug
23

Film: Il curioso caso di Benjamin Button

Categoria Film

Serata al mare senza aver molto da fare e poca voglia di uscire per i soliti giri per Varigotti (belle spiagge ma nel fine settimana è meglio non spostare la macchina, altrimenti si corre il rischio di ritrovare posto al rientro ed il paese è un po’ piccolo ed offre poche attrattive) io e la mia metà ci siamo visti questo bel film, in due parti visto che dura veramente tanto.

La storia è avvincente e triste allo stesso tempo e colpisce come abbiano truccato Brad Pitt durante la sua evoluzione.

Bellissimo e toccante, a mio avviso da non perdere!

Titolo originale: The Curious Case of Benjamin Button
Nazione: U.S.A.
Anno: 2008
Genere: Drammatico, Romantico
Durata: 163′
Regia: David Fincher
Sito ufficiale: www.benjaminbutton.com
Sito italiano: wwws.warnerbros.it/benjaminbutton

Cast: Brad Pitt, Tilda Swinton, Cate Blanchett, Julia Ormond, Taraji P. Henson, Lance E. Nichols, Elle Fanning
Produzione: The Kennedy/Marshall Company, Paramount Pictures, Warner Bros. Pictures
Distribuzione: Warner Bros.
Data di uscita: 13 Febbraio 2009 (cinema)

Trama:
“Sono nato in circostanze particolari”. Così inizia “Il curioso caso di Benjamin Button”, adattato da un racconto degli anni ’20 di F. Scott Fitzgerald su un uomo che nasce ottantenne e la cui età scorre al contrario: un uomo come tutti noi, incapace di fermare il tempo. Da New Orleans alla fine della Prima Guerra mondiale nel 1918, fino al XXI secolo, in un percorso insolito come può essere la vita di ognuno, il film è lo straordinario racconto di un uomo non così comune e delle persone e dei luoghi che scopre lungo il percorso, gli amori che trova e che perde, le gioie della vita e la tristezza della morte e quello che resta oltre il tempo.

Scheda: FilmUp

Lug
09

Film: Wayne’s World (Fusi di testa)

Categoria Film

Preso dallo sconforto del nulla in tivì, mi sono rivisto un vecchio film di qualche anno fa, Wayne’s World, titolo originale dell’italiano “Fusi di testa” che a me proprio non piace.

La storia non ha molto senso e sembra di viaggiare ai confini della realtà, vista l’assurdita di quello che succede e dei personaggi veramente trash, però è divertente e a me ha fatto sempre ridere.

I due personaggi principali, Wayne e Gart, sono nati al famosissimo “Saturday Night Live”, poi arrivati sul grande schermo con due film (questo ed il sequel) e hanno fatto conoscere Mike Myers al grande pubblico (ha anche impersonato Austin Powers).

Simpatica idea per passare nemmeno due ore a vedere dove la follia può spingere due attori, simpatico anche il finale alla Scooby Doo!

Titolo originale:     Wayne’s World
Nazione:     Usa
Anno:     1992
Genere:     Commedia
Durata:     91′
Regia:     Penelope Spheeris
Sito ufficiale:     

Cast:     Mike Myers, Dana Carvey, Rob Lowe, Tia Carrere, Brian Doyle-Murray, Lara Flynn Boyle
Produzione:     Lorne Michaels
Distribuzione:     Paramount Pictures
Data di uscita:     8 Dicembre 2001 (Dvd)

Trama:
A due amici che conducono un show televisivo via cavo, viene offerto da un network un ingaggio da urlo. Ma quando si accorgono che il loro show viene scavalcato dalla pubblicità, pensano ad un colpo di scena..

Giu
02

Film: Pensieri pericolosi

Categoria Film

Qualche sera fa mi sono visto un film di cui ricordavo praticamente solo il tema musicale principale che è oassato alla storia per essere il miglior pezzo hip hop di sempre. Il film si intitola “Pensieri pericolosi” ed è stato interpretato dalla sempre bella e brava Michelle Pfiffer.

Narra di una donna, ex marine in congedo, che decide dopo il divorzio dal marito di insegnare, ma per sua sfortuna finisce ad insegnare in una scuola ai margini del ghetto in una classe di ragazzi sbandati ed emarginati, ma lei riuscirà ad insegnar loro l’importanza dello studio e che tutti hanno la possibilità di scegliere.

Durante il film si sentono molti pezzi hip hop, tra cui il tema centrale di cui parlavo ed interpretato magistralmente dal rapper Coolio.

Il film fa capire che forse ragionare al di fuori degli schemi e delle regole alle volte può aiutare a superare anche le differenze sociali e culturati. Il film è bello e piacevole e rende abbastanza bene l’idea della vita dei ragazzi dei sobborghi comandati dalle bande e dalla droga.

Pensieri pericolosi
Titolo originale:     Dangerous minds
Nazione:     Usa
Anno:     1995
Genere:     Drammatico
Durata:     100′
Regia:     John N. Smith
Sito ufficiale:     

Cast:     Michelle Pfeiffer, George Dzundza, Courtney B. Vance, Robin Bartlett, Beatrice Winde, John Neville, Lorraine Toussaint, Renoly Santiago
Produzione:     Jerry Bruckheimer, Don Simpson
Distribuzione:     Hollywood Pictures Home Video
Data di uscita:     9 Febbraio 1996 (Cinema)

Trama:
Dopo nove anni nei Marines, Lou Anne Johnson, realizza il suo sogno di diventare insegnante, ma la classe che gli viene affidata é la peggiore della scuola. Lou non si scoraggia, ed alla fine riuscirà a conquistare l’attenzione dei ragazzi ed a trasformarli in ottimi studenti.

Scheda: FilmUp